Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Di nuovo il teatro di Plauto a San Benedetto del Tronto

San Benedetto del Tronto | Dopo circa due anni è tornata a San Benedetto del Tronto la compagnia teatrale Fondamenta, che ha messo in scena al teatro Concordia altre due commedie di Plauto: “Il Cartaginese” e “Mostellaria”.

di Elvira Apone

le maschere usate negli spettacoli

È tornata a San Benedetto del Tronto con altre due commedie di Plauto, “Il Cartaginese” e “Mostellaria”, la compagnia teatrale Fondamenta che, nell’estate del 2015, grazie al patrocinio comunale, aveva portato in scena la commedia “Il Persiano”. Le due rappresentazioni, dirette dal regista Giancarlo Sammartano, direttore artistico dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa e attualmente direttore dell'Accademia Fondamenta di Cinecittà Studios di Roma, sono state messe in scena al teatro Concordia rispettivamente venerdì 17 e sabato 18 marzo in collaborazione con l’UTES di San Benedetto del Tronto, attraverso la sua sezione UTES teatro, e hanno riscosso largo consenso e partecipazione di pubblico. Le musiche sono state composte da Stefano Marcucci, direttore artistico dell’Utes, e l’organizzazione e la produzione esecutiva sono state affidate a Fulvio Ardone.

La particolarità di questi spettacoli consiste principalmente nella loro originale messa in scena, che richiama il modo in cui venivano rappresentati anticamente: i quattro attori, Paolo Floris, Tommaso Lipari, Andrea Puglisi e Tommaso Sassi, si sono calati, con grande abilità e naturalezza, ciascuno in diversi ruoli, sia maschili sia femminili, utilizzando maschere che riproducono le caratteristiche tipiche dei personaggi della commedia latina, egregiamente ricreate da Giancarlo Santelli secondo il modello di quelle rinvenute nel corso degli anni ’60 e ’70 del secolo scorso nella necropoli di Lipari. Queste maschere, insieme a numerose statuette di terracotta raffiguranti danzatori, attori, giocolieri, cioè tutti personaggi legati al mondo teatrale precedente alla distruzione di Lipari avvenuta per opera dei Romani nel 252 a. C., hanno offerto anche un prezioso spunto sui costumi di scena del mondo latino.

Le due commedie proposte dalla compagnia Fondamenta sono altri due mirabili esempi del teatro comico del grande autore latino basato, da un lato, su intrecci ridicoli, situazioni buffe e paradossali, su scambi verbali, bisticci di parole e allusioni, dall’altro, su personaggi tipici di una società multiforme, fatta di uomini liberi, di schiavi, di liberti, di cortigiane, di ruffiani, di gente avida, di cittadini onesti e di persone disoneste. Fraintendimenti, equivoci, scherzi, furbesche trappole, ordite ai danni di qualcuno che deve essere punito, e colpi di scena sono gli ingredienti principali di tutte le commedie di Plauto e, in particolare, di “Il Cartaginese” e “Mostellaria”, in cui una vis comica energica e potente, capace di coinvolgere il pubblico fino quasi a interloquire con esso, si è brillantemente coniugata con una scenografia essenziale e vivace e con un’interpretazione sapiente ed equilibrata, affidata soprattutto ai gesti e al tono di voce che, in questo caso, avendo gli attori i volti coperti dalle maschere, dovevano supplire alla loro mimica facciale, ma, al tempo stesso, non essere esageratamente marcati per non scadere nell’eccesso.

Altri due appuntamenti di qualità, dunque, all’insegna del divertimento, ma anche della riflessione, proprio grazie all’universalità dei personaggi portati in scena, che, sotto quella patina grottesca e talvolta surreale, nascondono caratteristiche non solo tipiche dell’epoca cui appartengono, ma rivelano elementi assai vicini alla nostra quotidianità e sempre attuali.

19/03/2017





        
  



3+3=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

21/09/2017
San Martino, oltre 300 commercianti in attesa della Fiera (segue)
20/09/2017
Il Club per l'UNESCO di San Benedetto promuove le Giornate Europee del Patrimonio (segue)
20/09/2017
Concerto per ricordare lo scomparso Luigi Quondamatteo e presentare l'omonima fondazione (segue)
19/09/2017
Eccellenze al ristorante Gusto Tre Punto Zero: Ferrari Trento 1902 e i piatti dello chef Mongiello (segue)
19/09/2017
Concerto Isc sud San Benedetto lunedì 25 settembre al teatro Concordia (segue)
18/09/2017
Le cozze italiane e francesi al ristorante Il Piacere (segue)
17/09/2017
"FESTIVAL di FÀVOLÀ. Storia di un burattino e di un terremoto" concluso con successo! (segue)
15/09/2017
Sabato 16 settembre II edizione di Vignaioli in Borgo (segue)

San Benedetto

21/09/2017
San Martino, oltre 300 commercianti in attesa della Fiera (segue)
20/09/2017
Le Rosse nel Borgo 1° raduno Ferrari città di Tortoreto "Borgo Medievale" (segue)
20/09/2017
Il Club per l'UNESCO di San Benedetto promuove le Giornate Europee del Patrimonio (segue)
20/09/2017
Concerto per ricordare lo scomparso Luigi Quondamatteo e presentare l'omonima fondazione (segue)
19/09/2017
Eccellenze al ristorante Gusto Tre Punto Zero: Ferrari Trento 1902 e i piatti dello chef Mongiello (segue)
19/09/2017
Concerto Isc sud San Benedetto lunedì 25 settembre al teatro Concordia (segue)
18/09/2017
Le cozze italiane e francesi al ristorante Il Piacere (segue)
17/09/2017
"FESTIVAL di FÀVOLÀ. Storia di un burattino e di un terremoto" concluso con successo! (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino