Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Città sotto inchiesta

San Benedetto del Tronto | Mentre si avvicina la campagna elettorale, si moltiplicano gli atti di accusa contro i vertici amministrativi.

di Martina Oddi

Giuseppe Giorgini

L'ultimo tra i j'accuse è di questa mattina. I grillini, forti delle loro indagini, puntano il dito contro i detrattori di Del Moro. 'Non lo conosciamo personalmente ne siamo in grado di sindacare sul possesso dei requisiti - spiegano Giorgini e i suoi - ma è l'atto in se che ci lascia increduli del fatto che chi ha prima espresso parere positivo sui requisiti oggi smentisce tutte le valutazioni fatte in precedenza'.

E poi affondano il dito 'dove erano questi signori quando all'unisono i sindaci dell'Asur 13 esprimevano il loro lasciapassare sul Direttore dell'area vasta 5? Piuttosto Del Moro non deve essersi piegato all'appartenenza in qualche fazione politica che si spartisce il territorio e quella intentata contro di lui non è altro che una ritorsione di carattere mafioso!' Così Peppe Giorgini stigmatizza la vicenda dei contestati requisiti del Direttore e sottolinea come il Piceno versi in una situazione sanitaria cronicamente negativa e penalizzata rispetto al nord della regione, condizione alleviata dagli interventi di Del Moro, che 'si sta guadagnando stima e fiducia e quindi sta agendo bene'.

I grillini non hanno dubbi: Il consulente chiamato a vagliare il possesso dei sospirati requisiti ha dichiarato che essi vi sono e l'indagine di Iorio non ha motivo di esistere, essendo Del Moro in possesso dei 17 anni di esperienza presso un ente con incarichi dirigenziali di secondo livello. Oppure 'se questi requisiti non ci sono, c' e' qualcuno che sapeva e non ha parlato? E perché Genga li ha i requisiti?'

Un'inchiesta con atto di sindacato ispettivo è' stata presentata dal gruppo dei cinque stelle, e l'appello di Giorgini è perentorio: via le grinfie della vecchia guardia sulla cosa cittadina, via 'Ciccanti, Spacca e i suoi fedeli sudditi, via tutta la giunta e tutti quelli che non hanno dimostrato di avere i requisiti di onestà'.

Le diatribe cittadine non si placheranno e la sanità si candida a diventare il pomo di Della discordia delle prossime amministrative e regionali, oggi che da poco e' scemata la polemica sulle presunte dimissioni di Gaspari, che il sindaco ha sedato annunciando che pagherà anticipando il risarcimento della multa di 119.000 eu. Inchieste su inchieste, mentre il bilancio attende i trasferimenti ministeriali che - il primo cittadino ne è sicuro - arriveranno di certo. Ma intanto finché non arriverà il denaro non si potrà approvare il bilancio di previsione, nonostante la conclamata salute dei conti.


E sebbene la città sia un 'cantiere' - interventi messi a budget lo scorso 2014 - come suggerisce il sindaco, le buche in giro per le strade sono a prova di incidente. Per non parlare dei marciapiedi imbrattati sette giorni su sette, tra la maleducazione dei proprietari dei cani e la sciatteria delle pulizie latitanti.
I grillini concludono inneggiando alla riconquista dell'indipendenza, 'togliendoci l'anello al naso, rimandandoli a casa, liberandoci di queste guerre tra bande e riprendiamoci il controllo del territorio'.


I toni allarmistici dei grillini ricordano un po' il modo di far politica dei giorni del web, ma la città si prepara alla stagione estiva in mezzo alle polemiche, preludio delle tensioni elettorali a suon di giro di poltrone, è da più parti si sospetta una malsana intesa tra Pd e PDL sui temi caldi sul piatto che condanna la Riviera a un generale immobilismo.

Mentre il Piceno langue sotto il fardello della crisi, segnando una disoccupazione che tra i 15 e i 30 anni segna il 50%, senza che all'orizzonte ci sia una pianificazione mirata alla grande esposizione mediatica dell'Expo, a parte eventi molto coreografici e poco orientati al business.

 

 

02/03/2015





        
  



2+3=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

17/04/2019
A scuola con la Guardia di Finanza: (segue)
17/04/2019
Violenza in Famiglia: se ne parla con Roberta Bruzzone, Roberto Mirabile e Lucia Zilli (segue)
16/04/2019
Serata Saharawi: oltre 5000 € per l' accoglienza sanitaria dei bambini (segue)
13/04/2019
L'Ing. Pietro Guidi Massi ci ha lasciati (segue)
13/04/2019
Monteprandone capofila nel progetto Open Fiber (segue)
13/04/2019
Polizia individua autori di danneggiamenti ad auto in sosta e autore di furto in appartamento (segue)
13/04/2019
Volante restituisce elicottero elettrico radiocomandato rubato in mattinata (segue)
12/04/2019
Corso per volontari di protezione civile, aperte le iscrizioni (segue)

San Benedetto

18/04/2019
Non giriamoci dall'altra parte: Fiammetta Borsellino incontra il Liceo Classico Leopardi (segue)
17/04/2019
A scuola con la Guardia di Finanza: (segue)
17/04/2019
26° EDIZIONE DEI GIOCHI MATEMATICI (segue)
17/04/2019
Le regole vogliono sacrifici in "I paradossi del diritto", 2019. (segue)
17/04/2019
Torna Home Care Premium, sostegno ai disabili iscritti all’INPS (segue)
17/04/2019
Il PD ha programmato degli incontri per un percorso di ascolto e di confronto (segue)
17/04/2019
La disfagia al centro di una serie di incontri all’istituto alberghiero di San Benedetto (segue)
17/04/2019
In Viaggio con Luca Leone, Giovanna Famulari, Alessia e Fabia Salvucci per l’ultima serata di In art (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino