Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il suono di Sohn

San Benedetto del Tronto | Sohn "Tremors"

di Paolo De Bernardin

Sohn

"Tremors"

Immaginate un moderno elettronico Brian Eno mescolato con le sonorità di James Blake e del belga australiano Gotye e avrete subito il quadro della situazione per questo bell'esordio di Sohn, al secolo Christopher Taylor, londinese innamorato del beat elettronico e della scuola tedesca che da qualche anno ha scelto Vienna come città di residenza.

La copertina di questo esordio rimanda agli spazi ghiacciati di un mondo lontano come l'Islanda e in un certo qual modo tra i colori di questi suoni non è lontana quell'atmosfera cara ad Asgeir, Bjork, Sigur Ros e Olafur Arnalds. L'inizio di "Tremors" è un po' da gospel originale e lascerebbe pensare ad un diverso sviluppo dell'intero lavoro uscito per la prestigiosa 4AD ma il prosieguo del disco lascia intendere come la voce, per Sohn, non è altro che uno strumento da campionare e usare a corollario di un soundscape che mano a mano diventa sempre più peculiare. Dietro al cantante, all'autore e al musicista Sohn c'è un perfetto maestro di cerimonie da sala d'incisione, un esperto tecnico del suono che riesce a modificare, ricampionare, gestire tutto il lavoro con una banco mix di prim'ordine. "Tremors", al di là dei tecnicismi è ricco di emozioni e di colori che fuoriescono da un buio che a tratti sembra esistenziale e mai solo artificiale. La voce è spesso un "Bloodflows", come recita il titolo di un brano, un continuo movimento di vita, una luce per emergere, segno dell'artista che cerca di non essere ingabbiato dai suoi marchingegni elettronici. I crescendo sono spesso esaltanti, come nel caso di "Ransom notes" e molto coinvolgenti come in un moderno prog e l'uso spesso ossessivo dell'eco e della ripetitività non è altro che una rete, una tela di ragno che avvolge e si appiccica sulla pelle senza però mai soffocare.

Sohn non disdegna certe atmosfere di classicismo o decadentismo che vengono opportunamente rivestite di effetti umoristici mai invadenti grazie a linee melodiche che non passano mai in secondo piano. E' in definitiva una bella lotta tra il poeta melodico e il tecnico che "sporca" il suono con i suoi artifizi. E non ci sono mai vincitori. Quello che emerge è un sapiente amalgama e un perfetto bilanciamento delle parti. La visione "nordica" di molte composizioni non è scevra da un senso di forte spiritualità evidenziato da un tappeto sonoro creato dall'organo e dalle tastiere. Le pulsioni elettroniche vibrano dall'inizio alla fine e danno al lavoro di Sohn una bella magia che, ascolto dopo ascolto, cattura anche il più distratto e traduce un forte senso di magia, segno evidente che dietro l'esperto tecnico del suono, esiste l'uomo e l'autore di spessore.

Voto 8/10

21/04/2014





        
  



2+2=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
Napoli al Medoc con Pino Imperatore e Romolo Bianco il 17 marzo a In Art (segue)
15/03/2019
Pierluigi Celli presenterà il libro "La Stagione delle Nomine" (segue)
13/03/2019
El Passi per Grottammare Mask (segue)
13/03/2019
24° Incontro Nazionale dei Teatri Invisibili, giovedì 14 marzo ore 21, presso il Teatro dell'Olmo (segue)

San Benedetto

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
20/03/2019
Centro per le famiglie, tutte le attività in partenza (segue)
20/03/2019
Il bilancio 2019 presentato ai sindacati (segue)
20/03/2019
Compila e invia, le domande al Comune si fanno da casa (segue)
19/03/2019
Unione comunale del PD di San Benedetto: situazione amministrativa e sanità al centro del dibattito (segue)
19/03/2019
"Pediatria di San Benedetto: doppio di nascite con la metà di personale. Qualcosa non torna .." (segue)
18/03/2019
In Comune il viceministro albanese agli affari europei (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino