Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

L'abito soul di Paolo Nutini

San Benedetto del Tronto | Paolo Nutini "Caustic love"

di Paolo De Bernardin

Paolo Nutini

"Caustic love"

Tre album in otto anni sono la cifra di un cantautore scozzese, dal nome italiano, come Paolo Nutini, un artista che ha sempre avuto l'aria scanzonata di un ragazzo semplice che si è visto piombare addosso un successo (oltre un milione di dischi per l'esordio "These streets" del 2006) seguito dall'Ivor Novello award che l'ha quasi schiacciato. Si è ben difeso in ogni modo restando un po' ai margini della società dello spettacolo e apparendo di rado.

Con l'arrivo a Sanremo, quest'anno, e al programma del weekend di Fabio Fazio, suo mentore italiano, Paolo Nutini si ripresente oggi sul mercato con "Caustic love", un disco in uscita la prossima settimana che lascia sconcertati al primo ascolto. Le vesti del cantautore sono accantonate, sin dall'apertura di "Scream", un funky anni Settanta che proietta l'ascoltatore in un mondo totalmente diverso dal suo. Nutini è pronto a dichiarare che la sua anima è plurisfaccettata e il soul è uno dei tanti generi ma non quello che ama di più e da qui a comporre un brano davvero originale che citi quegli anni gloriosi con il rispetto che meritano ce ne passa davvero molto. Si può anche rendere omaggio alla Motown dei Sixties ma riprendere pedissequamente la Bettye Lavette di "Let me down easy" non dà certo l'idea di un grande sforzo autorale. Va meglio in "One day" nella quale Nutini si impegna vocalmente mettendo in risalto colorature timbriche di spessore che lasciano ottimamente sperare se affidate a produttori che sappiano valorizzarle (qui c'è solo Dani Castelar che è pur sempre un tecnico del suono). "Numpty" fa però fare un salto tra Sam & Dave e un annacquato Otis Redding che ha perso tutto il sangue per una trasfusione. L'incontro del cantautore che potrebbe lasciare il segno nell'interpretare un soul moderno si ha in "Better man" (che ha qualche eco di "These arms of mine") e anche in "Diana" (cantata con un bel falsetto) ma sembra un momento di distrazione più che una scelta razionale.

Il déjà vu torna immediatamente con "Iron sky", una canzone (onestamente molto bella e che mescola la voce di Nutini con quella del Charlie Chaplin de "Il grande dittatore") che con le corde vocali di Sharon Jones avrebbe avuto tanta credibilità in più. C'è tanto Memphis sound, tanta Motown e anche un po' di Philadelphia tra le note di "Caustic love" e anche qualche straccetto vocale di Al Green e un po' di rap (con la voce di Janelle Monáe che interviene in "Fashion") ma la carrellata di canzoni si conclude con l'assoluta intimità di "Someone like you" che ci restituisce l'autore puro (con aggiunta di coro black, tanto per essere in tema col resto del disco). Sono pochissimi istanti che lasciano intendere che l'autore Paolo Nutini c'è. E' vivo e vegeto ma in "Caustic love" è inciampato clamorosamente perdendo la bussola della sua anima. Se fossimo nella sua Scozia diremmo che è un lavoro "neither fish nor flesh" ma dalle nostre parti più semplicemente...né carne, né pesce. Peccato.

Voto 5/10

09/04/2014





        
  



4+4=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
Napoli al Medoc con Pino Imperatore e Romolo Bianco il 17 marzo a In Art (segue)
15/03/2019
Pierluigi Celli presenterà il libro "La Stagione delle Nomine" (segue)
13/03/2019
El Passi per Grottammare Mask (segue)
13/03/2019
24° Incontro Nazionale dei Teatri Invisibili, giovedì 14 marzo ore 21, presso il Teatro dell'Olmo (segue)

San Benedetto

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
20/03/2019
Centro per le famiglie, tutte le attività in partenza (segue)
20/03/2019
Il bilancio 2019 presentato ai sindacati (segue)
20/03/2019
Compila e invia, le domande al Comune si fanno da casa (segue)
19/03/2019
Unione comunale del PD di San Benedetto: situazione amministrativa e sanità al centro del dibattito (segue)
19/03/2019
"Pediatria di San Benedetto: doppio di nascite con la metà di personale. Qualcosa non torna .." (segue)
18/03/2019
In Comune il viceministro albanese agli affari europei (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino