Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

La stella Chris Cab

San Benedetto del Tronto | Chris Cab "Where i belong"

di Paolo De Bernardin

Chris Cab

"Where i belong"

Eccolo il nuovo fenomeno commerciale che riempirà radio e media nei prossimi mesi. E' giovanissimo (21 anni da pochi giorni) ed ha per protettore e mentore qual Pharrell Williams che ha quasi ostruito le falde di You Tube suggerendo le milioni di versioni di "Happy" realizzate in ogni angolo del mondo. Si chiama Chris Cab, al secolo Cristian Cabrerizo, nato a Miami da genitori cubani, che già a 14 anni frequentava le sale di registrazione e a 15 catturava l'attenzione di Pharrell.

Follemente innamorato della Giamaica, di Bob Marley e del reggae, il ragazzo ha catturato di quel ritmo tutto il furore antico e l'allegria necessaria per un'immersione totale restituita brano dopo brano nel suo disco d'esordio giunto dopo quattro EP tra il 2011 e il 2013 con pezzi quasi tutti folgoranti che hanno conquistato la rete. Quando Chris Cab attacca "Liar liar" (oggi un successo radiofonico anche in Italia) si percepisce tutto il sapore e la freschezza di uno Sting degli esordi veicolato dalle modernissime tecniche elettroniche di Pharrell. Un condensato esplosivo che potrebbe facilmente dare adito all'idea dell'ennesimo colpo commerciale dell'industria in agonia ma dietro la voce dell'ex teenager c'è notevole stoffa e a quell'età gli si perdonano tutte le ingenuità del caso. "Where i belong", uscito ieri in tutta Europa è fatto di una dozzina di canzoni che sono tutte potenziali hit da alta classifica e questa è la cifra dell'artista che non si limita a fare un intero disco trascinato da un successo commerciale mondiale.

La voce di Chris non è ancora nel pieno della maturità ma le sue inflessioni, le cadenze e i colori del bel timbro lasciano immaginare una strada da grande professionista e un brano come "Fables" lo mette chiaramente in luce come pure il pezzo che segue, "Loves me not", nonostante gli scimmiottamenti di Michael Jackson e di Sting certamente suggeriti dalla volpe Pharrell ma la mediazione di Wyclef Jean col quale l'artista ha anche lavorato e studiato a lungo ha di sicuro aggiunto un elemento in più. Il reggae di Chris Cab è leggero e luminoso come dimostrano l'azzeccata apertura del disco "The sun is gonna rise again", "Where i belong", "The truth", "All i need is you" e "Long weekend". E di questi tempi la freschezza, se non è edulcorata e contraffatta dalle mani abili dei furbetti dell'industria, paga e paga bene. "Where i belong" è un disco leggero ma mai banale. Sa coniare il pop con il reggae e rappresenta una perfetta colonna sonora per l'estate. Una nuova supermegastar è nata.

Voto 7,5/10

08/04/2014





        
  



2+4=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
Napoli al Medoc con Pino Imperatore e Romolo Bianco il 17 marzo a In Art (segue)
15/03/2019
Pierluigi Celli presenterà il libro "La Stagione delle Nomine" (segue)
13/03/2019
El Passi per Grottammare Mask (segue)
13/03/2019
24° Incontro Nazionale dei Teatri Invisibili, giovedì 14 marzo ore 21, presso il Teatro dell'Olmo (segue)

San Benedetto

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
20/03/2019
Centro per le famiglie, tutte le attività in partenza (segue)
20/03/2019
Il bilancio 2019 presentato ai sindacati (segue)
20/03/2019
Compila e invia, le domande al Comune si fanno da casa (segue)
19/03/2019
Unione comunale del PD di San Benedetto: situazione amministrativa e sanità al centro del dibattito (segue)
19/03/2019
"Pediatria di San Benedetto: doppio di nascite con la metà di personale. Qualcosa non torna .." (segue)
18/03/2019
In Comune il viceministro albanese agli affari europei (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino