Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Gilberto (Gil) canta Joao

San Benedetto del Tronto | Gilberto Gil "Gilbertos samba"

di Paolo De Bernardin

Gilberto Gil

"Gilbertos Samba"

Doppio Gilberto all'orizzonte, Gilberto Gil e João Gilberto. Un cognome, quello di João, che rappresenta l'invenzione della bossanova nata dal samba. Un nome, quello di Gil, che rende omaggio all'emblema della musica afro-brasiliana qual è il samba. Presentato in questo weekend al Teatro Net Rio della capitale morale del Brasile, "Gilberto sambas" celebra l'83enne João con un lavoro essenziale e minimale reso alla perfezione da una chitarra condita qua e là da discrete percussioni, da leggeri venticelli di elettronica (responsabile ne è Moreno Veloso che ha curato anche la produzione totalmente in analogico, insieme con Bem, figlio di Gil) e da una voce controllatissima di Gilberto Gil che non si lascia mai prendere dai furori del pop rock cui spesso ci aveva abituato. Un'attività musicale sviluppatissima quella di Gilberto Gil che, con il governo Lula, ha ricoperto anche la carica di Ministro della Cultura di un paese in forte sviluppo economico e nell'occhio dell'attualità per le prossime Olimpiadi del 2016 e per l'imminente campionato del mondo di calcio.

Sono ormai quasi 60 i dischi della sua lunga carriera iniziata nel lontano 1964 e dopo decenni Gilberto Gil avvolge il samba con una inconsueta discrezione, la stessa che aveva ai tempi di "Nós, par exemplo" quando duettava con Bethania, Caetano e Gal Costa ai tempi dell'università di Bahia e dopo l'incontro e le lezioni di maestri come Luiz Gonzaga per la fisarmonica e Dorival Caymmi per la chitarra. Fu Caymmi che lo introdusse all'essenza del samba e oggi Gilberto Gil gli rende nuovamente omaggio ospitando in questo lavoro due suoi figli, Danilo (in una deliziosa e quasi rappata "Eu sambo mesmo", in perfetto stile João) e Dori (che chiude la sequenza con "Gilbertos").

Le dodici canzoni di "Gilberto sambas" appartengono tutte al repertorio di João Gilberto, il gran vecchio della bossanova che ha saputo trasformare in interpretazione intensa anche il sussurro e il filo di voce ma questa volta Gil riesce a trasformarsi davvero in raffinato interprete di quelle linee melodiche che comprendono classici come "O Pato", "Desafinado", "Desde o samba è o samba" ("A tristeza è senhora"), "Doralice", "Você e eu", "Eu vim da Bahia" e autori di classe come Vinicius De Moraes, Caetano Veloso, Carlos Lyra e Antonio Carlos Jobim. Un bel pacchetto di interpretazioni che viaggeranno immediatamente nei teatri di tutta Europa per veicolare e promuovere ulteriormente il Mondiale di Calcio del paese che ha reso questo sport pieno di allegria e nel dominio dei fantasisti e dei frombolieri.

Voto 8/10

06/04/2014





        
  



4+5=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
Napoli al Medoc con Pino Imperatore e Romolo Bianco il 17 marzo a In Art (segue)
15/03/2019
Pierluigi Celli presenterà il libro "La Stagione delle Nomine" (segue)
13/03/2019
El Passi per Grottammare Mask (segue)
13/03/2019
24° Incontro Nazionale dei Teatri Invisibili, giovedì 14 marzo ore 21, presso il Teatro dell'Olmo (segue)

San Benedetto

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
20/03/2019
Centro per le famiglie, tutte le attività in partenza (segue)
20/03/2019
Il bilancio 2019 presentato ai sindacati (segue)
20/03/2019
Compila e invia, le domande al Comune si fanno da casa (segue)
19/03/2019
Unione comunale del PD di San Benedetto: situazione amministrativa e sanità al centro del dibattito (segue)
19/03/2019
"Pediatria di San Benedetto: doppio di nascite con la metà di personale. Qualcosa non torna .." (segue)
18/03/2019
In Comune il viceministro albanese agli affari europei (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino