Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il suono di Vanessa da Mata

San Benedetto del Tronto | Vanessa da Mata "Segue o som"

di Paolo De Bernardin

Vanessa da Mata

"Segue o som"

Il punto più alto della sua carriera Vanessa da Mata l'ha raggiunto nel 2008 quando per la sua grande notorietà arrivò ad incidere un duetto con Ben Harper ("Boa sorte/Good luck") e, grazie all'incisione dell'intero lavoro, "Sim", ottenne il Grammy Latino come album dell'anno. Registrato in Giamaica con i celeberrimi Sly & Robbie il disco la riportava ai suoi albori artistici quando, da giovane e brava autodidatta, si cimentava con i ritmi reggae del suo primo gruppo tutto al femminile, le Shalla-Ball che si fece apprezzare in una tournée sudamericana con i Black Uhuru. Fu l'incontro con Chico César che compose per lei "A força que nunca seca" (poi incisa anche da Maria Bethania) che provvide a lanciarla nel firmamento delle giovani leve della MPB, la Musica Popolare Brasiliana

"Segue o som" è oggi il settimo disco della carriera fortunata di Vanessa da Mata, esplosa grazie alle tante sigle di telenovelas della Globo. Il disco era pronto da tempo (fu inciso inizialmente nel 2012) ma poi un progetto dedicato all'arte e alle canzoni di Antonio Carlos Jobim, pubblicato lo scorso anno con enorme successo in Brasile, prese il sopravvento e queste canzoni furono riposte nel cassetto per vedere la luce adesso, totalmente ristrutturate e riarrangiate e col titolo di "Segue o som". "Segui il suono" potrebbe essere un ottimo slogan per la musica e il brano omonimo mantiene notevoli promesse di successo coi suoi ritmi sincopati (ripresi anche su "Homem invisìvel no mundo invisìvel") che riportano tutti a Kingston. Al di là del motivetto accattivante riproposto in chiusura nel remix di Leo Breanza e Miller (un successo sicuro per la prossima estate) il disco non va molto oltre i suoni elettronici e spesso astratti e fini a se stessi di Liminha (degli Os Mutantes) e Kassim (di Moreno Veloso), produttori di successo che già lavoravano con la cantante del Matogrosso dai tempi di "Sim".

I difetti principali di questo disco sono la mancanza di invenzione, di temi melodici che catturino e, in definitiva, di composizioni destinate a restare. Tutto sembra fatto quasi di corsa (ma ironicamente la produzione è curatissima e avrà richiesto mesi) e si ricorre persino all'inglese ("My grandmother told me" e "Sunshine on my shoulders"), a qualche spruzzatina di rock mescolato al pop più banale ("Nao sei dizer adeus", "Por onde ando tenho você"), una manciata di note di axé tranciate dai synt ma con un risultato finale che non brilla mai. Anzi sfiora troppo spesso la banalità e la piattezza.

Voto 5/10

28/03/2014





        
  



4+4=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
All’istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto la prima tappa del progetto “Un Mare d’idee” (segue)
15/03/2019
Napoli al Medoc con Pino Imperatore e Romolo Bianco il 17 marzo a In Art (segue)
15/03/2019
Pierluigi Celli presenterà il libro "La Stagione delle Nomine" (segue)
13/03/2019
El Passi per Grottammare Mask (segue)
13/03/2019
24° Incontro Nazionale dei Teatri Invisibili, giovedì 14 marzo ore 21, presso il Teatro dell'Olmo (segue)

San Benedetto

20/03/2019
Giornata Mondiale della Poesia 2019 (segue)
20/03/2019
Centro per le famiglie, tutte le attività in partenza (segue)
20/03/2019
Il bilancio 2019 presentato ai sindacati (segue)
20/03/2019
Compila e invia, le domande al Comune si fanno da casa (segue)
19/03/2019
Unione comunale del PD di San Benedetto: situazione amministrativa e sanità al centro del dibattito (segue)
19/03/2019
"Pediatria di San Benedetto: doppio di nascite con la metà di personale. Qualcosa non torna .." (segue)
18/03/2019
In Comune il viceministro albanese agli affari europei (segue)
18/03/2019
La “napoletanità” di Pino Imperatore e Romolo Bianco domenica al Medoc per In Art (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino