Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Sotterranea XX edizione: in finale i Julian Mente

San Benedetto del Tronto | La seconda semifinale del festival ha decretato vincitore il gruppo di Foligno. Con loro l’appuntamento è per il 12 maggio alla finalissima insieme ai vincitori della prima semifinale, i Bad Black Sheep di Vicenza.

I Julian Mente

Proviene da Foligno il gruppo vincitore della seconda semifinale di Sotterranea. Il contest per gruppi rock emergenti, svoltosi ieri sera al Geko, durante la seconda serata dedicata alle selezioni ha poggiato sul capo dei Julian Mente la corona di alloro, che da loro il diritto di partecipare alla finalissima del 12 maggio. La band si va così ad aggiungere al gruppo vicentino dei Bad Black Sheep, trionfatore della prima semifinale.
L'alternative post rock fortemente contaminato da influenze noise e da atmosfere profonde di Michelangelo Capodimonti (chitarra), Alessio Aristei (basso), Diego Fratini (voce) e Jacopo Minni (batteria), ha avuto la meglio sugli altri quattro gruppi in gara ovvero gli Essence Fall di Perugia, i Medulla di Milano, i Low Frequence di Ascoli Piceno e La Fabbrica dei sogni di carta di San Benedetto del Tronto. Per loro, però, c'è ancora la possibilità di accedere alla finalissima. Infatti, mentre durante la serata la giuria vota il gruppo che meglio ha saputo dare, con la propria musica, emozioni dirette, durante le prossime settimane questa, presieduta dall'ideatore del contest Franco Cameli, sceglierà altri quattro gruppi tra i finalisti in gara che hanno saputo lasciare nel tempo un ricordo indelebile. In totale, infatti, saranno otto le band che si avvicenderanno sul palco per la finalissima della XX edizione della kermesse.
A tal proposito ricordiamo che il 28 aprile e il 5 maggio si svolgeranno le ultime due serate di semifinale, sempre al Geko a partire dalle 22:30, con ingresso libero. La gara, dunque, resta ancora aperta.
Anche la serata di sabato sera si è svolta nel migliore dei modi, grazie anche a un caloroso e appassionato pubblico che continua a seguire con interesse la kermesse. Molti giovani e non solo si sono dati appuntamento per ascoltare i nuovi talenti di domani, presentati da Cristiana Saporosi e Francesca Poli insieme a Tania Piunti, per ricevere il braccialetto, omaggio della XX edizione del festival, e per lasciare messaggi Twitter visibili sul megaschermo. Sì, perché quest'anno la rassegna è più social che mai e intende coinvolgere tutti gli spettatori nei festeggiamenti del ventennale.

23/04/2012





        
  



2+5=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
15/01/2020
Le Marche terra di teatri (segue)
14/01/2020
L’opera di Enrico Maria Marcelli edita dall’Arsenio Edizioni ha vinto il Premio Quasimodo (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)
10/01/2020
Simone Incicco nuovo tesoriere nazionale della Federazione Italiana Settimanali Cattolici. (segue)
06/01/2020
Liceo Rosetti: lettura e apertura al mondo della cultura Un viaggio controcorrente (segue)
06/01/2020
ISTITUITO IL LICEO MUSICALE E TANTI INDIRIZZI STIMOLANO LA CRESCITA CULTURALE E UMANA DEI GIOVANI (segue)

San Benedetto

27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)
10/01/2020
Simone Incicco nuovo tesoriere nazionale della Federazione Italiana Settimanali Cattolici. (segue)
08/01/2020
Conferenza pubblica 10 gennaio - progetto europeo “Lasciamo scegliere le donne!” (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji