Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Tanti sguardi, un unico orizzonte: San Benedetto del Tronto

San Benedetto del Tronto | Mentre la stagione turistica sta volgendo al termine, raccontiamo San Benedetto del Tronto attraverso lo sguardo di celebri personalità che l’hanno conosciuta e amata.

di Elvira Apone

il lungomare di San Benedetto del Tronto

Molti artisti hanno visitato la nostra splendida città e l’hanno saputa raccontare con passione ed emozione. Adolfo De Carolis, pittore e incisore di Montefiore dell’Aso, vissuto a cavallo tra ‘800 e ‘900, illustratore di opere di D’Annunzio e di Pascoli e autore di bozzetti, disegni e xilografie, descrisse così i marinai di San Benedetto: “Le paranze di S. Benedetto ricordano le navi omeriche, non molto differenti per la grandezza, se pensiamo che dalla piccola Grecia ne salparono per la Troade più di mille e cento. I marinai del Tronto hanno fama di esperti ed audaci quasi fossero i discendenti dei fieri Liburni”. I marinai sanbenedettesi, in effetti, pare discendano proprio dai Liburni, popolazioni illiriche di cui sono stati trovati resti nell’area in cui sorgeva l’antica “Truentum”, la cui fondazione è a loro attribuita. Sembra, dunque, che la vocazione marinara di San Benedetto sia già geneticamente insita nelle sue origini, quando, cioè, gli antichi dalmati scelsero la foce del fiume Tronto quale naturale e definitivo approdo per la costruzione di una loro nuova città. E queste origini, per certi versi ancora misteriose, non sono soltanto avvolte dalla leggenda, ma hanno riscontro in diversi manufatti e resti archeologici, oggi raccolti nel museo della civiltà marinara e in quello delle anfore, recuperate proprio dai marinai sambenedettesi durante i loro viaggi nel Mediterraneo.

Il celebre compositore ungherese Franz Liszt scrisse questo in una lettera a proposito delle imbarcazioni sambenedettesi. “Stupende le barche da pesca che solcano il mare Adriatico, barche con vele dipinte con soggetti religiosi o con antichi emblemi”. E pure Andrè Gide, scrittore francese in visita a San Benedetto, osservò: “Vorrei sapere se le barche degli altri porti dell’Adriatico hanno vele così belle, decorate, per coppie, con strane insegne, con figure multicolori arieggianti quelle di stemmi … si dispiegavano splendide sul tappeto ceruleo del mare, rievocando i tempi delle crociate e tutto un passato glorioso”. Le paranze erano delle imbarcazioni con cui i pescatori sanbenedettesi esercitavano la pesca sul finire del XIX secolo, navigando in coppia con un equipaggio di massimo nove persone. Leggere nelle manovre, avevano una lunghezza media dai 14 ai 16 metri e un albero della stessa altezza, fornito di un’enorme vela latina, che veniva dipinta con un infuso di corteccia di pino e con il nero di seppia. I simboli rappresentati sulle vele, spesso religiosi, servivano per lo più a farle distinguere anche da lontano. Tutta la famiglia sanbenedettese ruotava intorno all’attività della pesca: mentre i mariti erano in mare, le mogli spesso si dedicavano, sulla soglia delle loro basse e umili abitazioni, alla fabbricazione delle reti da pesca intrecciando le funi realizzate dai “funai”, generalmente bambini o anziani che, con questo lavoro, davano il loro piccolo supporto alla modesta economia familiare. L’antico borgo marinaro era costituito da “insulae”, cioè file di casette addossate l’una all’altra, oggi ancora individuabili in quel reticolo di stradine disposte ad angolo retto che si estende tra viale Secondo Moretti e piazza Garibaldi, i cui antichi nomi erano inevitabilmente legati al mare: via dell’Ancoraggio, via dei Pescivendoli, via dei Cordai, via del Bagno etc.

La vendita di pesce, invece, avveniva prevalentemente sulla spiaggia, dove venivano tirate e secco le imbarcazioni, fino alla fine dell’ ‘800, quando sorse un mercato ittico, inaugurato poi nel 1935. E proprio agli inizi del XX secolo, San Benedetto si trovò a vivere il progressivo sviluppo di due attività parallele: la pesca, di ormai antica tradizione, che però stava diventando sempre più qualificata soprattutto grazie al passaggio all’uso di motopescherecci, all’ampliamento delle rotte marinare e alla nascita del porto, e l’accoglienza turistica, con la costruzione dei primi alberghi, stabilimenti balneari, bagni termali e di eleganti villette in stile Liberty, che la nascente borghesia si faceva costruire sul lungomare. Così descrisse la spiaggia e il mare di San Benedetto nel secolo scorso lo scrittore francese Gabriel Faure in uno dei suoi libri di viaggio: “La strada ferrata corre lungo la spiaggia, in mezzo alle cabine ed ai bagnanti distesi sulla sabbia lucente. L’acqua è azzurra d’un azzurro intenso cha da riflessi metallici, il vento che soffia da sud-est è impregnato di profumi dell’antica terra di Grecia”. Anche il paesaggio, in effetti, proprio in quest’ epoca, cominciava a cambiare volto: sorgevano oleandri e palme lungo la costa, alcuni quartieri dell’originario borgo marinaro scomparivano, molti pescatori intraprendevano altre attività, come quella di bagnino, di albergatore, di ristoratore, anche queste, comunque, tutte legate al mare e alla pesca, che aveva ormai già reso San Benedetto uno dei primi porti in Italia.

Il mare, dunque, è sempre stato un elemento essenziale non solo dell’economia e del paesaggio sambenedettese, ma anche del “modus vivendi” della sua popolazione, parte integrante del suo DNA. Come ha detto, infatti, lo storico dell’arte Pietro Zampetti, proprio a proposito del mare di San Benedetto: “Il mare è dunque una componente fondamentale del paesaggio. Ma a San Benedetto esso è qualcosa di più: è movimento, fervore. La città… con i suoi viali pieni di palme e di agrumeti, vive solo per il mare. San Benedetto è la testimonianza della perseveranza di una gente che intende sopravvivere, lavorare, avere una propria identità e un possibile interesse”.

E come scrisse la poetessa Bice Piacentini in vernacolo sanbenedettese, per alcuni idioma incomprensibile, quasi barbaro, per altri lingua dolce, poetica e singolare:

 

 

 

 

“Sammenedètte, care bbille mì,

 lu mare, tune jè lu ppiù lucènte,

 lu cìle tùne jè lu ppiu ttrecchì!”

08/09/2019





        
  



1+2=

Altri articoli di...

San Benedetto

19/11/2019
Controlli durante la "Movida"del sabato sera da parte della Guardia di Finanza (segue)
17/11/2019
CASTELFIDARDO - GROTTAMMARE 0 - 1 (segue)
17/11/2019
L'eccellenza accademica italiana fa tappa a Grottammare Alta (segue)
16/11/2019
Se chi ben comincia è a metà dell'opera, sarà un anno di sorprese e conferme per il Liceo Rosetti (segue)
16/11/2019
"Ospedali di qualità per il Piceno e non promesse elettorali" (segue)
10/11/2019
La Samb torna alla vittoria: Di Massimo e Frediani fanno tornare il sorriso. (segue)
10/11/2019
GROTTAMMARE - VALDICHIENTI 1 - 0 (segue)
10/11/2019
Interventi di Orgoglio Civico, di 63074, del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso sulla Santà (segue)

Cultura e Spettacolo

19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
19/11/2019
Doppio appuntamento per “Sentimentál” di Roberto Michilli (segue)
17/11/2019
L'eccellenza accademica italiana fa tappa a Grottammare Alta (segue)
16/11/2019
Se chi ben comincia è a metà dell'opera, sarà un anno di sorprese e conferme per il Liceo Rosetti (segue)
13/11/2019
Roberto Michilli presenta il 16 novembre a Campli “Sentimentál” (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
10/11/2019
Ivano Dionigi apre gli "Incontri" della Partecipazione (segue)
09/11/2019
Renato Minore presenterà il libro "O Caro pensiero" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji