Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Coppa Italia Serie C:gioia Samb!!

San Benedetto del Tronto | I rossoblu battono ai rigori il Fano. Ora dovranno affrontare il Teramo.

di Guido Favelli

SAMBENEDETTESE-FANO:5-2 D.C.R. 

SAMBENEDETTESE (4-4-2) Pegorin; Rapisarda, Biondi, Miceli, Di Pasquale (45′ Gemignani); Russotto, Bove, Signori (45′ Gelonese), Islamaj (60′ Cecchini); Ilari, Stanco. A disposizione: Sala, Zaffagnini, Calderini, Kernezo, Demofonti, Rocchi, De Paoli Allenatore:Roselli

ALMA JUVENTUS FANO (3-5-2) Voltolini; Sosa (45′ Konate), Celli, Magli; Setola, Tascone, Ndiaye, Scimia, Diallo; Filippini (45′ Ferrante), Mancini (62′ Cernaz) A disoosizione:Sarr, Vitturini, Konate, Fioretti, Ferrante, Morselli, Lazzari, Selasi, Lulli Allenatore:Epifani

TERNA Arbitra Luigi Carella di Bari, coadiuvato dagli assistenti A. Micaroni (Chieti) e G. Di Giacinto (Teramo)

MARCATORI 28′ Filippini, 93' Russotto

NOTE Ammoniti: Celli, Miceli, Lulli, Biondi, Ndiaye

La Samb batte il Fano per 5-2 dopo i calci di rigore nel match valido per il primo turno eliminatorio di Coppa Italia serie C. Nei sedicesimi di finale la truppa di Roselli affronterà il Teramo. Il Fano esce, comunque a testa alta, sia per l'organizzazione di gioco e l'ordine mostrate nell'arco dei 120' minuti. L'inizio gara  è caratterizzato da buoni ritmi, e al 10' Islamaj chiama in causa Voltolini con un destro da fuori area.  Da questo momento in poi i granata prendono il comando delle operazioni facendo girare a vuoto sistematicamente i padroni di casa. Il vantaggio degli uomini di Epifani arriva al 25' con Filippini, abile a scattare sul filo del fuorigioco e battere un Pegorin apparso tutt'altro che irreprensibile. Per tutta la prima frazione gli ospiti hanno in mano la gara ma hanno il difetto di non affondare il colpo. Nella ripresa poi cambia il canovaccio del confronto, Roselli cambia gli esterni e la sua squadra appare più viva, sull'altra sponda il Fano appare meno sciolto nel possesso palla. A metà della seconda frazione Voltolini si oppone alla deviazione di Rapisarda su assist di Bove, mentre all'88' Ilari mette alto di testa raccogliendo la sponda di Russotto. Il Fano sembra controllare le sfuriate avversarie ma proprio all'ultima azione Russotto si inventa letteralmente il gol del pareggio con un destro telecomandato che finisce la propria corsa al sette. Nei supplementari le due squadre appaiono stravolte dalla stanchezza, si va ai calci di rigore dove prevale la maggior lucidità e freddezza degli uomini di Roselli. 

10/10/2018





        
  



1+1=

Altri articoli di...

San Benedetto

13/12/2018
Natale con l'Autore. Elena Polidori presenta il libro "Amatrice non c'è più. Ma c'è ancora" (segue)
13/12/2018
Presentazione del libro di Fabrizio Di Marzio La politica e il contratto" (segue)
12/12/2018
Convegno " Il doping tra illusione e realtà" (segue)
12/12/2018
Novembre "mese dell'infanzia e dell'adolescenza" 2018 (segue)
12/12/2018
L'IPSSCSS ‘Nicola Ciccarelli' di Cupra Marittima consegna i diplomi agli studenti del corso OSS (segue)
11/12/2018
Con le ali ai piedi al primo incontro della nuova edizione di In Art (segue)
10/12/2018
"Crescere con la musica" (segue)
10/12/2018
L'asilo Merlini ha festeggiato la celebrazione dell'Immacolata Concezione (segue)

Sport

09/12/2018
Samb:la vittoria della sofferenza! (segue)
02/12/2018
PORTO RECANATI - GROTTAMMARE 1 - 3 (segue)
02/12/2018
Samb: prima gioia in trasferta! Sbancata, in rimonta, Verona grazie ad una doppietta di Rapisarda. (segue)
26/11/2018
Cinque buoni motivi per partecipare alla Granfondo San Benedetto del Tronto (segue)
25/11/2018
Samb: con la Triestina finisce 0-0 (segue)
25/11/2018
GROTTAMMARE - FORSEMPRONESE 1 - 2 (segue)
21/11/2018
Fedeli scrive di nuovo ai tifosi:" Basta con le multe. Con quei soldi un progetto benefico". (segue)
21/11/2018
Samb-Triestina: arbitrerà Luigi Carrella di Bari. (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino