Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

In Art Special-domenica 22 aprile al Medoc A Cena con Lloyd-ospite Simone Tempia

San Benedetto del Tronto | Domenica 22 aprile, l’ultimo appuntamento della seconda edizione di In Art è con lo scrittore Simone Tempia e con il suo maggiordomo immaginario di nome Lloyd.

di Elvira Apone

Simone Tempia

Domenica 22 aprile, al Medoc di San Benedetto del Tronto, l’ultimo appuntamento della seconda edizione di In Art, la rassegna organizzata dall’associazione culturale Rinascenza con la direzione artistica di Annalisa Frontalini insieme a Paolo Soriani, è con Simone Tempia e con Lloyd, il suo maggiordomo immaginario. “A cena con Lloyd” inizierà dalle ore 20,00 con la cena, per poi proseguire con la presentazione dei due libri che hanno reso celebre lo scrittore e hanno fatto conoscere al pubblico l’accattivante e saggio personaggio del suo maggiordomo immaginario di nome Lloyd: “Vita con Lloyd” e “In viaggio con Lloyd”, editi da Rizzoli Lizard. A dialogare con l’autore sarà la giornalista Teresa Valiani, mentre la voce narrante sarà quella dell’attore Gianluca Marinangeli.

Teresa Valiani, marchigiana di Cupra Marittima, è una giornalista dell’agenzia di stampa Redattore Sociale. Scrive di carcere e terremoto, ma anche di tutte quelle notizie che raccontano la quotidianità fatta di piccoli gesti, di altruismo e di solidarietà. “In un periodo in cui si costruiscono muri,” ha dichiarato “credo sia importante non lasciarsi travolgere e lanciare continui spunti per abbattere le barriere e realizzare ponti”.

Gianluca Marinangeli, dopo la laurea in “Economia e commercio” e in “Scienze giuridiche”, si è dedicato al perfezionamento della sua formazione attoriale. Nel 2010 ha conseguito il diploma in “Arti teatrali e dello spettacolo”, per poi frequentare numerosi stage in ambito teatrale e cinematografico con artisti quali Massimiliano Bruno ed Edoardo Leo e, nell’ambito della produzione, con Giuseppe di Gangi, Direttore di Produzione di Paolo Sorrentino. Ha recitato in teatro con diverse compagnie; nel 2014 ha debuttato al cinema in Italia e in Svizzera con il lungometraggio “I Corsari” del quale era co-protagonista e produttore esecutivo. Nel 2015 è stato attore e Direttore di produzione della serie web “Il Trittico”, finalista in più Festival nazionali. Ha recitato in diversi cortometraggi, l’ultimo dei quali, “Tempismo”, è attualmente finalista al Festival internazionale Jaipur Film World in India. Da febbraio di quest’anno porta in scena il monologo “L’uomo del coniglio”, scritto dalla drammaturga uruguaiana Ana Magnabosco e tradotto dalla regista, attrice e produttrice teatrale Monica Menosse Hutton, monologo che ha portato in scena anche al Medoc per il pubblico di In Art il 25 marzo scorso.

Giornalista e scrittore, Simone Tempia è nato nel 1983 a Biella, un’industriosa provincia del nord ovest italiano. Il sogno di scrivere gli è maturato sin dall’età di quattordici anni e da allora ha cercato di fare il possibile per realizzarlo. Ha collaborato con “Wired”, “GQ” e Missoni, scrive per “Vogue Italia”, magazine del quale cura anche la parte web, ha una trasmissione radiofonica e contribuisce al sito di cinema 400calci.com, vincitore di due Macchianera Awards. Nel 2014 ha lanciato la pagina Facebook “Vita con Lloyd”, che ha rapidamente conquistato migliaia di lettori per l’eleganza e l’ironica saggezza con cui affronta temi come l’amore, il passare del tempo, la paura e la ricerca della felicità e in cui ogni lettore può facilmente ritrovarsi. Da quel momento in poi, Simone Tempia ha incominciato a trascorrere la propria esistenza in compagnia del maggiordomo immaginario di nome Lloyd, che, tuttavia, non rappresenta un altro se stesso o una parte della sua personalità, ma quella voce della ragione e della saggezza, quell’onestà intellettuale e quel senso di concretezza in cui sono confluite le voci di amici, parenti e di tutti coloro che hanno costellato e costellano la sua vita di quei consigli e suggerimenti necessari, ma spesso disattesi. Uno sguardo disincantato su se stesso, un costante e produttivo confronto con il proprio ego che gli permette, così, di spogliarsi di tutti gli alibi e le giustificazioni e di guardare il mondo, proprio e altrui, da un’altra prospettiva.

“Vita con Lloyd” (Rizzoli Lizard), come ha dichiarato lo stesso Simone Tempia, è una sorta di diario, di autobiografia in forma di dialogo. È il racconto ironico, pungente, brillante e illuminante del rapporto tra un Sir e il suo maggiordomo immaginario, che conosce a fondo la vita, i suoi momenti più o meno drammatici e, soprattutto, l’animo umano; che sa sempre dare una risposta alle domande quotidiane del suo signore e sa sempre trovare una giusta chiave di lettura ai suoi dubbi e alle sue incertezze. Corredato dalle ironiche illustrazioni di Tuono Pettinato, autore di punta del nuovo fumetto italiano, “Vita con Lloyd ha raggiunto tre edizioni in due mesi e un tale consenso di pubblico da dare vita al suo seguito: “In viaggio con Lloyd”.

Momento cruciale e malinconico della loro vita narrativa, in cui Sir deve affrontare “un viaggio dentro noi stessi, alla ricerca di una maturità che ci sfugge.”, “In viaggio con Lloyd” (Rizzoli Lizard) ripropone i saggi insegnamenti del maggiordomo immaginario Lloyd, che parla attraverso lettere, telegrammi, telefonate e messaggi nella bottiglia. Perché se è vero che alcuni viaggi vanno affrontati da soli, è altrettanto vero che non si può partire senza mettere in valigia l'indispensabile, che per Sir e i suoi lettori è costituito dalle parole di Lloyd, un bagaglio di cui non si può proprio fare a meno, un modo attraverso cui prendersi cura di se stessi, soprattutto affrontando un viaggio inaspettato in cui Sir, messo di fronte alle proprie paure e ai propri timori, ha il diritto di essere compreso, rassicurato e, soprattutto, di essere chiamato “Sir”.

Un percorso affascinante alla ricerca di una saggezza forse perduta o forse sopita, un itinerario originale e imprevedibile, fatto di interessanti spunti di riflessione e di sorprendenti verità, in cui Simone Tempia, insieme al suo fedele e fidato maggiordomo Lloyd, condurrà il pubblico alla scoperta di un nuovo modo di assaporare la vita, con i suoi misteri e le sue contraddizioni, e di affrontarla con rinnovata consapevolezza e con lucida obiettività. Un’esperienza che lascerà a tutti una preziosa e impagabile eredità umana.

Per informazioni e prenotazioni 0735/780869.

 

19/04/2018





        
  



3+4=

Altri articoli di...

San Benedetto

22/10/2018
Il Circolo Nautico ha inserito un progetto da sviluppare di sensibilizzazione ai temi ambientali (segue)
22/10/2018
Grande successo sabato 20 ottobre a Civitanova Marche per il primo convegno sul Tarot (segue)
22/10/2018
Controlli e arresti dei Carabinieri per furto aggravato. (segue)
21/10/2018
Con un gran gol di Stanco la Samb agguanta il pari a Fano (segue)
21/10/2018
Giornate Onu: pioggia di concorsi nelle scuole della Riviera a cura della Omnibus (segue)
21/10/2018
GROTTAMMARE - URBANIA 2 - 2 (segue)
20/10/2018
La compagine del Centobuchi perde malamente contro l' arcigno Potenza Picena (segue)
19/10/2018
Lia Levi torna a San Benedetto (segue)

Cultura e Spettacolo

22/10/2018
Grande successo sabato 20 ottobre a Civitanova Marche per il primo convegno sul Tarot (segue)
21/10/2018
Giornate Onu: pioggia di concorsi nelle scuole della Riviera a cura della Omnibus (segue)
19/10/2018
Lia Levi torna a San Benedetto (segue)
19/10/2018
Spettacolo teatrale civile "Gran Casinò - Storie di chi gioca sulla pelle degli altri" (segue)
18/10/2018
Turisti americani visitano l’antico borgo medioevale di Monteprandone (segue)
16/10/2018
Le classi quarte del Liceo Scientifico "B. Rosetti" incontreranno Francesco Cicchi (segue)
15/10/2018
Quattro ponti ascolani all’attenzione del FAI (segue)
14/10/2018
La vincitrice del Premio Strega Giovani 2018 sarà presente il 22/10 all'Auditorium alle ore 11 (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino