Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Per la rassegna jazz c'è il "Fabrizio Puzielli quartet"

Monteprandone | Venerdì 13 aprile, al GiovArti, un tributo al genere bebop e a Charlie Parker

Fabrizio Puzielli

Dopo il successo della prima serata con una discreta presenza di pubblico, venerdì 13 aprile, si terrà il secondo appuntamento dell' "International Jazz Day 2018", festival organizzato dall'associazione culturale "Marche Jazz", patrocinato e sostenuto dal Comune di Monteprandone e dalla Fondazione CARISAP.

Di scena il "Fabrizio Puzielli quartet" composto dagli artisti sambenedettesi Fabrizio Puzielli al sax, Stefano Travaglini al basso, Paride Pignotti alla chitarra e dal pescarese Michele Rapini alla batteria. Per l'occasione sarà proposto un "Tributo a Charlie Parker", leggendario sassofonista americano e principale esponente del bebop.

Dopo il diploma presso il Conservatorio di Bologna, il sassofonista Puzielli fonda il "Plus Four Saxophone Quartet", una formazione di soli sassofoni ospite di numerosi festival (Veneto Jazz e Spalato Jazz) che vince alcuni concorsi internazionali (TIM 2000, World Music Contest 2001).

Vincitore dell'audizione interna al 3° Stage internazionale di Saxofono, inizia ad approfondire lo studio della musica jazz nel 1995 sotto la guida di alcuni tra i migliori musicisti del panorama jazzistico internazionale (Eddie Henderson, Gorge Garzone, Vincent Herring, Gary Dial e Dick Oatts).

Dal 1996 al 2002 frequenta alcuni stage internazionali di perfezionamento e formazione musicale (Euromeet Jazz Festival) e vince nel 2003 una borsa di studio presso la New School University di New York. Dal 2004 collabora stabilmente con il trio del pianista vicentino Danilo Memoli, noto per le sue recenti incisioni con il sassofonista americano Steve Grossman.

Il fraseggio ed il suo linguaggio ricordano lo stile di alcuni grandi esponenti di questo genere musicale tra cui Sonny Stitt, Charlie Parker, Dexter Gordon dai quali costantemente trae ispirazione. La sua collaborazione con Stefano Travaglini pianista, compositore e bassista sambenedettese noto per la recente pubblicazione del cd "Ellipse", apprezzato e recensito dalle migliori firme della critica musicale mondiale, prosegue da oltre vent'anni.

L'appuntamento è al centro GiovArti di Centobuchi (viale De Gasperi n. 235). Inizio concerto ore 22, ingresso gratuito. Per informazioni 3482938372 oppure www.facebook.com/marchejazz.

11/04/2018





        
  



2+1=
Stefano Travaglini

Altri articoli di...

San Benedetto

13/12/2018
Natale con l'Autore. Elena Polidori presenta il libro "Amatrice non c'è più. Ma c'è ancora" (segue)
13/12/2018
Presentazione del libro di Fabrizio Di Marzio La politica e il contratto" (segue)
12/12/2018
Convegno " Il doping tra illusione e realtà" (segue)
12/12/2018
Novembre "mese dell'infanzia e dell'adolescenza" 2018 (segue)
12/12/2018
L'IPSSCSS ‘Nicola Ciccarelli' di Cupra Marittima consegna i diplomi agli studenti del corso OSS (segue)
11/12/2018
Con le ali ai piedi al primo incontro della nuova edizione di In Art (segue)
10/12/2018
"Crescere con la musica" (segue)
10/12/2018
L'asilo Merlini ha festeggiato la celebrazione dell'Immacolata Concezione (segue)

Cultura e Spettacolo

13/12/2018
Natale con l'Autore. Elena Polidori presenta il libro "Amatrice non c'è più. Ma c'è ancora" (segue)
12/12/2018
Novembre "mese dell'infanzia e dell'adolescenza" 2018 (segue)
12/12/2018
Al via il progetto "Infinito Leopardi" (segue)
12/12/2018
L'IPSSCSS ‘Nicola Ciccarelli' di Cupra Marittima consegna i diplomi agli studenti del corso OSS (segue)
11/12/2018
Con le ali ai piedi al primo incontro della nuova edizione di In Art (segue)
10/12/2018
"Crescere con la musica" (segue)
10/12/2018
L'asilo Merlini ha festeggiato la celebrazione dell'Immacolata Concezione (segue)
10/12/2018
Domenica 16 dicembre il primo open day al Buscemi di San Benedetto del Tronto (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino